FAQ

Ecco di seguito le domande più comuni per chi sta pensando di acquistare o costruire la propria Casa con Abitalab. Nel caso non dovessi trovare la risposta alla tua domanda, ti preghiamo di scriverci dalla sezione “Contatti”, risponderemo nel giro di qualche ora alla tua domanda.


FAQ – Le nostre risposte alle Vostre domande:


Perché puntare sull'efficienza energetica?

Le abitazioni sono responsabili del 40% dell'inquinamento mondiale. Se vogliamo permettere un futuro anche alle future generazioni non abbiamo alternative: dobbiamo passare a tecnologie verdi ed energie pulite.


E’ vero che i consumi energetici delle Case in Legno sono bassi?
E’ proprio così, infatti il legno ha ottime proprietà isolanti. Quindi la casa sarà calda in inverno e fresca in estate, le spese per riscaldarla o raffrescarla saranno ridotte al minimo permettendo un notevole risparmio economico in bolletta, salvaguardando l’ecosistema.


Se decido di acquistare una casa in legno, da dove devo cominciare?
Dall'idea: a tutto il resto ci pensiamo noi di Abitalab. Troveremo assieme a Voi il terreno adatto alla futura casa, ci occuperemo di pratiche burocratiche, del progetto architettonico, dei calcoli strutturali, della relazione geologica, delle fondazioni, del cantiere, ecc.


Cosa si intende per progetto “Chiavi in Mano”?

Il “Chiavi in Mano” è il servizio che Abitalab offre ai propri clienti assecondando le loro richieste ed esigenze fin dalla fase progettuale alla consegna dell’immobile. Una soluzione Chiavi in Mano è il compromesso perfetto per avere una casa costruita e realizzata da un team affidabile che sa esattamente come renderla completa di tutto il necessario. La nostra proposta chiavi in mano prevede la progettazione e la realizzazione di un’immobile pronto per essere abitato e con tutti i comfort più adatti al cliente che ci sceglie. La nostra filosofia innovativa prevede infatti una progettazione su misura, una consulenza costante e un prodotto finito realizzato nei tempi concordati.


Cosa si intende per Pratica Edilizia?

La pratica edilizia è l’insieme delle procedure e dei documenti necessari per apportare delle variazioni ad un immobile. Ogni variazione, dalle più semplici fino agli interventi di ristrutturazione globale, va comunicata all’amministrazione competente attraverso le modalità previste. L’assenza della pratica edilizia relativa a un intervento lo rende un abuso edilizio, sanzionabile e punibile.


Che cos'è la progettazione Preliminare e quella Esecutiva?

Dicasi progetto preliminare la sommatoria delle opere che deve comprendere precisi elaborati e documenti con riferimento al relativo regolamento edilizio. A differenza, il progetto esecutivo, contiene tutte le informazioni tecniche, distributive, grafiche, formali per la corretta e puntuale realizzazione dell’opera. Vengono predisposti da un architetto o un ingegnere abilitati.


Cosa si intente per Studio di Fattibilità?

E’ uno strumento necessario per valutare le potenzialità tecnico/economiche di una determinata operazione immobiliare. Valuta la fattibilità tecnica, la realizzabilità da un punto di vista organizzativo e gestionale, nonché il ritorno economico dell’investimento. Si concretizza nella presentazione di un elaborato con grafici e prospetti finalizzato a dimostrare l'equilibrio economico e finanziario del progetto.


Cosa si intende per Stato di Fatto di un immobile?

E' semplicemente come l’immobile si presenta al momento del sopralluogo: può coincidere con lo stato legittimo, oppure differire per piccoli o grandi modifiche apportate dal proprietario negli anni,  non comunicate al Comune. Le differenze tra lo stato legittimo e lo stato di fatto sono a tutti gli effetti abusi edilizi da sanare.


Cos’è il Capitolato?

Trattasi di un documento in cui vengono elencate le lavorazioni da eseguire in fase di nuova costruzione o di ristrutturazione. Oltre all’elenco, contiene anche una breve descrizione delle lavorazioni, dei materiali e i nomi commerciali dei prodotti che verranno impiegati. Si parla di Computo Metrico Estimativo quando nell’elenco sono presenti anche le misure e i costi dei materiali. Il capitolato diventa così un documento molto utile in fase di avvio dei lavori, perché ci permette di redigere un preventivo dettagliato.


Cos'è l'Attestato di Certificazione Energetica?

Si tratta di uno strumento di controllo che sintetizza con una scala da A a G le prestazioni energetiche degli edifici. L'Attestato Prestazione Energetica (APE) è obbligatorio per affittare o vendere un immobile ed è utile per informare sul consumo energetico e aumentare il valore degli edifici ad alto risparmio energetico. L'APE viene redatto da un soggetto accreditato, certificatore energetico, abilitato alla progettazione di edifici ed impianti.


Che tempistiche servono per portare a termine una Pratica Edilizia?

I tempi variano molto da pratica a pratica, bisogna capire qual'è il lavoro tecnico che la pratica richiede, ma anche le tempistiche del Comune. Per l’approvazione di una pratica possono volerci più mesi. Per una pratica di accesso agli atti, prima cosa da fare per iniziare una qualsiasi pratica/progetto, il Comune impiega circa trenta giorni lavorativi per mettere a disposizione del tecnico la documentazione richiesta. Le pratiche tempisticamente più lunghe sono quelle che prevedono un’autorizzazione paesaggistica dove i tempi per l’approvazione possono essere anche di 120 giorni.


Come avviene la consegna di una Pratica Edilizia all’amministrazione competente?

La presentazione delle pratiche avviene con la consegna in formato cartaceo presso gli sportelli Comunali oppure, come tramite l’invio telematico. Una volta che il Comune riceve la pratica le assegna un numero di Protocollo Generale (PG).


Quali sono i servizi legati alla progettazione che offrite?

I nostri servizi sono molti e in continua evoluzione. I più richiesti sono: presentazione di Pratiche Edilizie per l’avvio degli interventi; predisposizione di capitolati dettagliati delle opere da eseguire per consentire di formulare i preventivi; assistenza al cliente nella scelta dei materiali; direzione dei lavori durante gli interventi con visite regolari in cantiere per controllare lo stato di avanzamento; sicurezza in fase di esecuzione dei lavori; pratiche di fine lavori; presentazione delle eventuali variazioni al Catasto; pratiche per l’accesso alle detrazioni fiscali; progettazione per interventi di ristrutturazione; piccoli progetti strutturali; ecc.


Che servizi offrite per una progettazione legata ad un intervento di ristrutturazione?

A seconda della complessità dell’intervento, e in base alle esigenze del committente, il ruolo del progettista può variare: nel caso di piccoli interventi come la ristrutturazione di un bagno, affianchiamo il committente nella progettazione, nella scelta di materiali e componenti, seguendo l’iter burocratico per far sì che l'intervento venga eseguito correttamente. In casi più complessi, come la ristrutturazione di un intero immobile, la parte di progettazione vera e propria diventa predominante: proponiamo al committente varie soluzioni distributive, individuando soluzioni tecniche per adattare l'involucro e gli impianti al nuovo progetto. Vi affianchiamo nella scelta di componenti e finiture, progettando l’illuminazione e la parte elettrica; ci relazioniamo anche nella scelta di colori, materiali, arredi e componenti d’arredo.


Prevedete una soluzione al gas Radon? So che qua in Friuli ci sono molte problematiche.

Assolutamente, noi proteggiamo la vostra salute e le vostre case dal gas Radon, naturale ma altamente nocivo e presente in alcune regioni italiane come il Friuli. Viene preventivato già in progetto l’applicazione di una speciale guaina impermeabilizzante anti-Radon.


A cosa serve la figura del progettista in cantiere?

Il nostro ruolo come tecnici progettisti in fase di cantiere (definito Direttore dei Lavori) è fondamentale per la buona riuscita degli stessi. Sebbene per piccoli lavori tale figura non sia obbligatoria per legge, è sempre consigliabile prevederlo: il nostro ruolo infatti è quello di coordinare e controllare l’operato delle imprese. Senza tale figura può capitare che le manovalanze operino con modalità e, soprattutto, tempistiche, diverse da quelle concordate con il committente all’avvio dei lavori, e di norma il committente risente di questi scostamenti solo alla fine dei lavori, quando il danno/il disagio sono ormai irrecuperabili.


Cosa significa case prefabbricate?

In realtà ad essere prefabbricate sono le pareti, ovvero, sulla base dei disegni preparati dai progettisti, le pareti vengono prodotte su misura in fabbrica. I vantaggi sono molteplici, infatti i tempi di produzione sono rapidi, indipendenti dalle condizioni climatiche dato che la produzione avviene in fabbrica; anche i tempi di montaggio in cantiere sono molto rapidi in quanto le pareti arrivano già pronte su misura.


Quanto durano le vostre Case in Legno e che tempi di costruzione hanno?

La durata nel tempo delle case in legno può essere anche maggiore della durata delle case in muratura. I tempi di costruzione sono rapidi, parliamo di circa sei mesi per la casa chiavi in mano, pronta per essere abitata. Non possiamo ridurre i tempi in quanto, non si tratta di case standard, ma case uniche progettate su misura per ogni cliente.


Per costruire le Case in Legno servono le fondazioni?

Sì, anche le case in legno, come quelle in muratura, devono essere costruite su fondazioni in cemento armato. Eventuali locali interrati come garage o tavernette, dovranno essere realizzati in cemento armato e serviranno come base per il montaggio delle pareti in legno. Se invece non è previsto un piano interrato, si procederà con la preparazione della platea di fondazione in cemento armato su cui saranno montate le pareti in legno. Considerata la leggerezza del legno, le fondazioni saranno meno profonde rispetto a quelle delle case in muratura.


Come si comportano gli edifici in legno in caso di terremoto?

Il territorio italiano è considerato tutto a rischio sismico, quindi il timore è comprensibile. Gli edifici in legno hanno un ottimo comportamento nei confronti dei sismi grazie alla leggerezza e flessibilità del legno ed alla duttilità delle unioni meccaniche. Quindi gli edifici oscillano ma non crollano e le persone hanno il tempo di allontanarsi. Le case non subiscono danni strutturali quindi possono essere riparate, se necessario, e nuovamente abitate.


Che manutenzione richiedono le case in legno?

Solitamente le case in legno sono rivestite da intonaco, quindi il legno è protetto e non necessita di interventi particolari. Invece spesso il tetto in legno è a vista e, per la parte esterna, consigliamo di rinnovare periodicamente l’impregnante del legno così da proteggerlo dagli agenti atmosferici e mantenerlo bello e solido.


Si può usare il legno per le sopraelevazioni?

Certamente. E’ consigliabile usare il legno che è più leggero dei mattoni e non grava eccessivamente sulle fondazioni già esistenti. Inoltre il montaggio avviene in tempi brevi senza arrecare troppo disturbo a chi già vive nell’edificio.


Le pareti in legno isolano dal freddo e dal caldo?

Sì, il legno offre un ottimo isolamento termico, aumentato da pannelli in fibra naturale che permettono di rendere la casa autonoma o quasi, a livello di riscaldamento invernale e raffrescamento estivo.